Sindrome dell ovaio policistico da perdita di peso. Correlazione con sovrappeso/obesità

Sindrome dell'ovaio policistico

sindrome dell ovaio policistico da perdita di peso

È vero: le donne con la PCOS in sovrappeso o obesità sono la maggior parte ma, in questo articolo voglio parlare di te che non hai alcun problema di peso, eppure hai la PCOS. Ma le donne magre o normopeso spesso fanno un percorso più lungo della altre prima di arrivare alla diagnosi e quindi ad una terapia. Non sono consigli sbagliati, anzi, sono sacrosante verità ma facciamo un ragionamento più esteso. Per prima cosa concentriamoci sulla eccessiva magrezza: cosa comporta al di là della PCOS?

sindrome dell ovaio policistico da perdita di peso

Anche quando fai troppa attività fisica o attività fisica troppo intensa possono verificarsi dei problemi. Questo non vuol dire che devi smettere di fare attività fisica ma occorre curare la tua alimentazione in modo che sia adeguata a quanto consumi e prendere in considerazione di rallentare i ritmi se puoi farlo.

Secondo le linee guida della Endocrine Society, la terapia iniziale è la perdita di peso, affiancata da una regolare attività fisica. Questo obiettivo, da ottenere e mantenere a lungo termine, va conseguito non solo nei soggetti obesi, ma anche nelle donne in sovrappeso. Meglio preferire la cottura a vapore, alla griglia o al forno. Due uova la settimana, cucinate alla coque o sode comprendendo il loro utilizzo per la preparazione di altri piatti. Una buona idratazione è fondamentale, almeno con un litro e mezzo di acqua al giorno.

Ecco i miei consigli: se sei magra ed il ciclo non arriva, sottoponiti ad una attenta valutazione della tua composizione corporea. Rivolgiti al tuo medico dello sport, al tuo nutrizionista o al tuo dietologo di fiducia.

Continua a fare attività fisica ma stai attenta a non esagerare. Fatti sempre seguire da chi ha i titoli per farlo laurea in scienze motorie, non solo brevi corsi da personal trainer e fatti consigliere sul sindrome dell ovaio policistico da perdita di peso adeguato e su esercizi per ridurre lo stress, come pilates o yoga.

Parla con il tuo ginecologo: potrà aiutare la tua situazione con attenzione ed eventualmente consigliarti una trattamento farmacologico ormonale atto a sbloccare la situazione.

sindrome dell ovaio policistico da perdita di peso

Il nutrizionista o dietologo a cui ti affiderai ti darà ogni informazione sulla dieta per te, studiata per la tua struttura fisica e sulle tue necessità. Evita comunque zuccheri veloci, bevande zuccherate, eccesso di latte e latticini, ecc.

Non controllare eccessivamente le porzioni di primi e secondi piatti: possono anche essere generose ma vanno bilanciate da un professionista.

Tags: autostimagrassiinsulino resistenzametabolismopeso corporeosofferenzasovrappesostressvideo Sai qual è la domanda che più mi sento fare nel mio studio? E nel frattempo, tu collezioni malumore e frustrazioni. La PCOS è un circolo vizioso in cui molti eventi alimentano negativamente un sistema in cui il tuo corpo sembra essere bloccato, fermo, non reattivo. Il tessuto adiposo di una donna con PCOS non è uguale a quello delle altre donne: presenta adipociti più grandi del normale, più ricchi di molecole di grasso, più difficili da smaltire. In più, in questo tessuto si riscontra una minore produzione di adiponectina, una sostanza capace di avere una naturale azione insulino-sensibilizzante insomma, quasi un farmaco naturale.

Se desideri un dolcino,mangialo sempre a fine di un pasto: terrai la glicemia sotto controllo. Già, ma quali grassi?

sindrome dell ovaio policistico da perdita di peso

Evitare sempre grassi saturi da carni grasse, margarine e burri, grassi industriali che trovi negli snack e nei piatti pronti. Prenditi cura anche della tua emotività. Ti sei mai chiesta sei serena e se il tuo peso non rifletta alcune tensioni interne?

sindrome dell ovaio policistico da perdita di peso

Vedi anche